Discover and read the best of Twitter Threads about #piccolestorie

Most recents (24)

#piccolestorie

Janet Parker

Il vaiolo esiste da oltre un millennio e ha causato centinaia di milioni di vittime. Ogni morte era tragica, ma l’ultima persona a morire per il vaiolo segnò una delle tragedie più strazianti.
Il vaiolo era uno degli assassini più temuti in tutto il mondo. Coloro che non ne sono morti, spesso sono rimasti accecati o sono rimasti ammalati per tutta la vita. La lotta contro il vaiolo è stata anche uno dei trionfi più celebri di ogni sforzo medico internazionale.
Il vaccino antivaiolo, il primo vaccino efficace mai sviluppato, è stato scoperto e introdotto dal medico inglese Edward Jenner nel 1798.

- Effetti del vaiolo - ImageImage
Read 39 tweets
#piccolestorie

Oro alla Patria

Nel caveaux di Bankitalia a Roma è custodito un tesoro inestimabile, per la maggior parte mai neppure inventariato.
Ci sono i gioielli e i valori recuperati dal terremoto di Messina 1908 e mai reclamati dagli eredi delle vittime nei 20 anni successivi al sisma.
I valori degli ebrei italiani di Salonicco che consegnarono tutto quanto poterono alla Legazione Ungherese per farli pervenire a Roma, dove arrivarono solo nel 1962. Monili e quintali di argenteria di casa Savoia abbandonati con la fuga del Re dopo l’ 8 settembre 1943.
Read 13 tweets
#piccolestorie

Giuseppe Dossetti

"Una buona volta le persone coscienti e oneste si persuadano che non è conforme al vantaggio proprio, restare assenti dalla vita politica e lasciare quindi libero il campo alle rovinose esperienze dei disonesti e degli avventurieri".
Così, in uno dei suoi iscritti Giuseppe Dossetti invistava all'impegno e alla difesa della Costituzione. Dossetti era uno dei molti cattolici che avevano combattuto su vari fronti l’esperienza fascista e la tragica esperienza della II guerra mondiale.
Cattolici che avevano preso parte, con convinzione e spirito di servizio alla lotta per la libertà, alla Resistenza e che approdarono come membri eletti all’Assemblea Costituente, per dare all’Italia un nuovo assetto repubblicano e costruire un nuovo volto di società.
Read 52 tweets
#piccolestorie

Una donna di Ragusa

Povera, combattiva, di sinistra, la giovane ragusana Maria Occhipinti non si capacitava che a chiuderla in galera in quel gennaio 1945 fosse la nuova Italia democratica e antifascista.
Nasce nel 1921, figlia di un muratore e di una cucitrice, costretta a lasciare la scuola a dispetto dell’amore per libri, lei con la sua storia di sofferenze e riscatto, dall’infanzia difficile alla guerra.
Da una gravidanza di stenti alla morte della bimba appena nata, dalla ripresa degli studi all’approdo al comunismo, alle grandi speranze all’arrivo degli americani, alle lotte contro il carovita.
Read 35 tweets
#piccolestorie

Io mi oppongo

E la lotta politica, cioè la lotta per la conquista e la conservazione del potere, non è ormai più – apparenze a parte – fra stato e stato, tra fazione e fazione, ma interna allo stato, interna alla fazione.
Così scriveva Luciano Bianciardi in quel capolavoro che è "La vita agra", romanzo autobiografico che parla della storia nazionale e del miracolo economico intuendo, molto prima di Pasolini, i pericoli del consumismo e dell'omologazione.
Luciano nasce il 14 dicembre del 1922 a Grosseto l’anno in cui le camicie nere di Mussolini marciano su Roma per fare ordine in Italia. I genitori sono da Atide, cassiere di banca, e Adele Guidi, maestra elementare. Image
Read 48 tweets
#piccolestorie

Un mucchio di stracci sulla neve

"Non ero più giovane. Sapevo ormai tutto intorno alla guerra, e avevo un marito, un bambino, una casa. Così, quando mio marito andò via partigiano, presi il bambino, lasciai a casa la roba e la paura, e fui partigiana anch'io".
Così raccontava Renata Viganò, nome di battaglia Contessa, staffetta partigiana prima in Romagna e poi nelle valli di Comacchio, tenendo con sé il figlio Agostino di soli sette anni.
Renata Viganò era nata a Bologna il 17 giugno del 1900, figlia di Eugenio e di Amelia Brassi, ed ebbe un’infanzia borghese e serena che le permise, giovanissima, di dedicarsi alla poesia.
Read 38 tweets
#piccolestorie

La preziosa stamperia

La macchina da scrivere è stata (ed è) uno strumento che ha rivoluzionato il mondo della scrittura e che ha portato, dopo secoli, alla nascita delle tastiere che tutti conosciamo oggi.
Nel XIX secolo in molti hanno cercato di accaparrarsi il primato di avere inventato la macchina da scrivere, lo strumento che ha messo chiunque in condizione di scrivere bene oltre che farlo molto più in fretta.
Ma c'è una paternità quasi sconosciuta della prima macchina per scrivere che è di due toscani, un garfagnino e di un lunigianese.
Read 45 tweets
#piccolestorie

La voce al canto

Poetessa e cantante, cortigiana e commediografa, ha parlato d’amore ma anche delle difficoltà di essere una donna del suo tempo criticando apertamente l’atteggiamento della sua epoca nei confronti delle donne.
E lo ha fatto usando come armi affilate satira e ironia descrivendo gli ostacoli e la vita difficile che le donne dovevano affrontare.
Lei era Margherita Costa.
Di lei esistono solo due presunti ritratti e anche il giorno della sua nascita è un mistero. Nasce a Roma anche se per alcuni la sua nascita viene collocata da alcuni a Ferrara.
Read 30 tweets
#piccolestorie

Nobel per caso

10 dicembre 1938. Stoccolma. Enrico Fermi riceve il premio Nobel per la fisica per "l'identificazione di nuovi elementi della radioattività e la scoperta delle reazioni nucleari mediante neutroni lenti".
I neutroni lenti sono particelle elettricamente neutre e dotate di una velocità relativamente bassa da penetrare sì nei nuclei degli atomi, come una pallottola in un cuscino, ma non avere la forza per uscirne, venendo così catturati.
Ma la storia di quella scoperta e la relativa assegnazione del Nobel è figlia di un errore o, per meglio dire, di un'interpretazione. Ma andiamo per ordine...
Read 25 tweets
#piccolestorie

Jacqueline

Capelli lunghi e biondi, occhi verdi e sguardo fermo, le mani brandiscono l’arco del suo violoncello Stradivari con instancabile vigore e le dita scorrono veloci sulle dure corde della nobile tastiera.
Lei è Jacqueline Du Prè, violoncellista. Jacqueline nasce il 26 gennaio 1945 ad Oxford da padre anglo-francese e madre polacca, Jacqueline sviluppa una spiccata propensione per la musica.

- Jacqueline -
A soli 4 anni quando, ascoltando il suono del violoncello alla radio, chiede alla mamma, insegnante di pianoforte, di poterne avere uno tutto per lei.
Read 20 tweets
#piccolestorie

Battistella

Durante il 1946 le italiane si recarono per la prima volta a votare in due circostanze: dapprima nelle consultazioni amministrative, che si tennero in ben tredici date (dal 10 marzo al 24 novembre) nei Comuni della penisola.
Poi il 2 giugno per un duplice appuntamento, il referendum istituzionale e le elezioni dell’Assemblea Costituente. In questo organismo furono elette appena 21 italiane su un totale su un totale di 556 deputati (3,7%).
Tra queste c’era anche una coraggiosa donna marchigiana, Adele Bei. Nata il 4 maggio 1904 a Cantiano, nell’alto Pesarese, da un boscaiolo e una casalinga, terza di undici figli, crebbe in un umile clan familiare avviandosi, già all’età di dodici anni, al mondo del lavoro.
Read 42 tweets
#piccolestorie

Su Compagne!

Maria Giudice è stata una figura cruciale per la storia del Novecento: socialista, tra le prime sindacaliste e proto-femministe italiane ed europee, giornalista, attivista dall’eccezionale vitalità e dinamicità.
La Giudice era una ‘donna atipica’ per la sua contemporaneità, in grado di dedicare il proprio sé agli altri con innata generosità.
La sua forza (politica e culturale insieme) emerse nelle battaglie per i diritti dei lavoratori e in difesa delle lavoratrici, nei dibattiti e negli scioperi che l’hanno più volte condotta in carcere.
Read 49 tweets
#piccolestorie

Rachid

Dopo aver accantonato temporaneamente l’idea di un’invasione della Gran Bretagna, Napoleone assunse il comando di una spedizione in Egitto, assegnatagli dal Direttorio.
La spedizione era finalizzata a colpire sul piano economico e coloniale la Gran Bretagna, l’avversario militarmente ed economicamente più forte, e a controllare il commercio con l’Oceano indiano.
Napoleone lascia il porto di Tolone il 19 maggio 1798 con un primo gruppo di navi, a cui se ne aggiungono altre partite da diverse basi lungo la rotta mediterranea Genova, Civitavecchia, Ajaccio. Si contano circa 38.000 uomini su 300 imbarcazioni.
Read 38 tweets
#piccolestorie

Primavera silenziosa

"Più riusciamo a focalizzare la nostra attenzione sulle meraviglie e le realtà dell’universo attorno a noi, meno dovremmo trovare gusto nel distruggerlo."
Nel settembre del 1962 usciva "Primavera silenziosa" considerato l'atto di nascita del moderno ambientalismo. Al centro del testo scritto dalla biologa americana Rachel Carson un tema quanto mai attuale l'avvelenamento della natura compiuto dai pesticidi e in particolare dal Ddt.
Il titolo del libro allude al silenzio della primavera nei luoghi dove si è fatto un uso massiccio di pesticidi. Rachel Louise Carson nasce a Springdale,Pennsylvania, il 27 maggio 1907. La sua è una famiglia contadina.

- Rachel -
Read 48 tweets
#piccolestorie

Se otto ore...

"La fabbrica non può guardare solo all'indice dei profitti. Deve distribuire ricchezza, cultura, servizi, democrazia. Io penso la fabbrica per l'uomo, non l'uomo per la fabbrica, giusto?"
Queste parole sono di Adriano Olivetti, un'imprenditore illuminato che è stato sempre alla ricerca di un equilibrio tra profitto, democrazia e giustizia sociale. Non molti "capitani di industria" hanno avuto la sensibilità, l'intelligenza e la grandezza morale di Olivetti.
E il mondo del lavoro, tranne poche eccezioni, è sempre stato ( e lo è ancora) terreno di sfruttamento e di "schiavitù". Il lavoro in fabbrica era, ed è, usurante, alienante e sperzonalizzante. Ma anche quello di ufficio lo è in forme diverse.
Read 36 tweets
#piccolestorie

Little Rock Nine

4 settembre 1957: primo giorno di scuola a Little Rock, capitale dell’Arkansas, a sud degli Stati Uniti. Il ritorno tra i banchi di scuola stavolta era accompagnato da una grande novità per la Central High School.
Per la prima volta nella sua storia, infatti, il liceo avrebbe aperto le porte a dei ragazzi di colore, per la precisione sei ragazze e tre ragazzi, i cosiddetti “Little Rock Nine“.
Lo scenario è quello della fine degli anni ’50, quando negli Stati Uniti esisteva ancora una vera e propria segregazione tra bianchi e neri, che coinvolgeva anche gli aspetti della vita quotidiana.
Read 26 tweets
#piccolestorie

Homo homini lupus

Tra il millessettecento e l'ottocento si moltiplicano i casi di “ragazzi selvaggi”: adolescenti scoperti ai margini del bosco o nei meandri di villaggi sperduti, che hanno vissuto l’infanzia nella foresta.
Spesso sono ragazzi disabili, autistici, gettati dai genitori tra le fauci della foresta: alcuni la foresta li ha divorati, altri li ha accuditi.
La letteratura ne ha tratto ispirazione. Basti pensare a Mowgli di Rudyard Kipling nel Libro della giungla o il Tarzan di Edgar Burroughs.
Read 48 tweets
#piccolestorie

Allons enfants

Questa è la storia di un agricoltore francese, renitente alla leva, figlio di un ricercatore, sindacalista di contadini. Famoso per le sue azioni che lo hanno anche portato in carcere ma anche, a mio parere, pieno di contraddizioni.
Lui è Joseph (José) Bové è nato a Talence in Aquitania ma ha trascorso l'infanzia in luoghi diversi, anche al di fuori dei confini francesi.
Quando ha tre anni vive con i i genitori in California, dove lavorano come ricercatori presso l'Università di Berkeley e parla di conseguenza un inglese fluente.
Read 37 tweets
#piccolestorie

Ricordati...

Ci sono personaggi scomodi, controversi, ma tuttavia necessari al corso della storia. Personaggi che col loro pensiero e la loro opera mettono in luce aspetti importanti della realtà umana che altrimenti rimarrebbero in ombra.
Girolamo Savonarola fu uno di questi. Di lui si è detto di tutto, di più. Predicatore, eretico, santo, falso profeta. Ma chi era davvero? Nacque a Ferrara da una famiglia di origini nobili il 21 settembre 1452.
Il suo primo insegnante fu il nonno, un medico. Anche Girolamo intraprese gli studi per avviarsi alla professione di medico. Lo studio della medicina, campo nel quale la sua famiglia si era distinta, venne però ben presto abbandonato.
Read 38 tweets
#piccolestorie

Venghino, signori, Venghino!

Si può non amare il circo per quanto accade agli animali e, altrettanto per quello che alcuni imprenditori fecero per ottenere successo sfruttando le persone per farne dei fenomeni da baraccone.
Ma funamboli, acrobati, clown e gli altri, uomini e donne, che mettono a disposizione del pubblico il loro talento e, a volte, il loro coraggio con le loro esibizioni invadono a pieno titolo il mondo dell’arte.
Molti hanno ispirato letteratura e musica basti pensare a "La donna cannone" di Francesco De Gregori che si dice scrisse questa canzone ispirato da un articolo che raccontava di un circo rimasto orfano della sua più grande attrazione fuggita via per inseguire il suo grande amore. Image
Read 25 tweets
#piccolestorie

Farfalle

Nei secoli le tecniche di trasferimento e di scambio del denaro conobbero diverse fasi di sviluppo. L'innovazione più importante fu l'uso della lettera di cambio, utilizzata dai genovesi nel XII secolo ma diffusa dai fiorentini.
Si trattava di un documento sostitutivo del denaro liquido: in cambio di una somma di denaro, si riceveva una lettera con la quale colui che aveva ricevuto il denaro si impegnava a pagare la somma in un altro luogo e con altra moneta (il giroconto).
Si semplificava così enormemente il lavoro ai mercanti e soprattutto venivano eliminati i disagi o i pericoli che si incontravano con il trasporto di denaro contante, il rischio di furto, la distruzione, il peso delle monete.

Lettera di cambio del 1398
Read 37 tweets
#piccolestorie

Colazione in pelliccia

Una tazza da caffè rivestita di pelliccia: solo l’idea di appoggiare le labbra al suo bordo sfilacciato o assaporare lo zucchero impiastricciato sul cucchiaino peloso suscita un certo disagio e, nel migliore dei casi, pizzica.
Decine e decine di storici dell’arte si sono soffermati sull’opera del 1936, la più famosa di Meret Oppenheim, individuandovi addirittura delle connotazioni sessuali che divertivano molto Meret.

- Colazione in pelliccia -
Meret Oppenheim era nata da padre tedesco e madre svizzera il 6 ottobre 1913 a Charlottenburg, oggi nel cuore della capitale tedesca e fino al 1920 una città autonoma. Il suo insolito nome Meret veniva dall’episodio Meretlein da romanzo dello scrittore svizzero Gottfried Keller.
Read 29 tweets
#piccolestorie

In equilibrio precario

Quasi sempre, la presentazione è tutto. Forse una delle dimostrazioni più catastrofiche di un’invenzione avvenne a Londra nel 1771 ad opera del geniale ingegno molto alla moda di John Joseph Merlin.
Le ripercussioni della sfortunata presentazione furono tali che il dispositivo non vide più la luce per altri novant’anni.

- Ritratto di Joseph Merlin di Thomas Gainsborough, 1781-
Nato a Huy in Belgio il 6 settembre del 1735, John (Jean) Joseph Merlin studiò all’Academie des Sciences di Parigi, dove divenne famoso per la sua inventiva. Era un violinista piuttosto bravo, e divenne uno dei beniamini del pubblico londinese e di quello parigino dell’epoca.
Read 28 tweets
#piccolestorie

Séverine

"Un simbolo augusto della giustizia e della verità", con queste parole Anatole France propone il nome di Caroline Rémy de Guebhard per il premio Nobel del 1919.
Ma cosa aveva portato la bella Caroline dai capelli rossi a diventare una giornalista famosa e una fervente sostenitrice dei diritti degli oppressi e delle lotte di emancipazione delle donne?
Caroline Rémy de Guebhard (dal cognome del suo secondo marito), nasce a Parigi il 27 aprile 1855 in una famiglia della piccola borghesia francese.
Read 35 tweets

Related hashtags

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just two indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3.00/month or $30.00/year) and get exclusive features!

Become Premium

Too expensive? Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal Become our Patreon

Thank you for your support!