L’età media degli italiani è 45,2 anni (dato di inizio 2018, a oggi sarà cresciuto di un mezzo anno).

(Thread)
Questo vuol dire che l’italiano medio è nato nel 1973, si è formato negli ’80, ha perso la verginità poco dopo la caduta del Muro , è arrivato nel mondo del lavoro 1 minuto dopo la prima riforma delle pensioni e 1 minuto prima dello scoppio della bolla delle dotcom del ’99.
Parliamo di un bambino nato in famiglie fatte di nonni contadini, padri impiegati, mamme casalinghe. Famiglie le cui precedenti generazioni erano passate in un fiat da casupole di campagna senza il cesso al pranzo davanti alla TV.
Parliamo di un ragazzo che ha passato giorni, settimane, mesi, sul divano guardando in tv le repliche della sexy-commedia all’Italiana e le puntate di Drive-In.
Con la mano destra indaffarata, sognava la Milano da bere delle prosperose cocotte berlusconiane, la Lancia Thema Ferrari, la casa in città e la villetta al mare.
Parliamo di un uomo che si è formato con il mito dei diritti acquisiti, dello Stato che assicura posti di lavoro a chiunque, della laurea che se ce l’hai è meglio, ma in fondo anche no, ché papà con il diploma in ragioneria fa Direttore delle Poste ed è rispettato da tutti.
E invece, stocazzo.
Come dicevamo, il nostro amico arriva nel mondo del lavoro in piena crisi, e la prima cosa che si sente dire è che la sua pensione sarà calcolata sulla base dei contributi versati.
Sì, proprio quella pensione con cui i suoi genitori campano più che dignitosamente da quando avevano 52 anni e che, se glielo chiedi, manco sanno cosa vuol dire “contributi”
ché nella loro busta paga non erano indicati visto che la pensione gliel’hanno calcolata sull’ultimo stipendio.
Lui non capisce subito, e in fondo non s’incazza nemmeno tanto, anzi solidarizza coi suoi vecchi che alle prime avvisaglie della nuova musica scendono in piazza e al Governo gliele cantano per bene.
Che c’è qualcosa che non va, però, si capisce eh.
Eh sì, perché, per esempio, a lui il contratto a tempo indeterminato mica gliel’hanno fatto subito! L’hanno assunto con formule strane, COCOCO, COCOPRO, contratto a termine, e via via è andato avanti così per anni, nell’insicurezza, prendendo sberle e leccando culi.
Quando poi ha provato a comprare casa ha fatto una fatica enorme, pagato un sacco di soldi, fatto un mutuo che estinguerà quando i figli avuti a 35 anni ne avranno 35 anche loro
quando guarda la sua busta paga e raffronta le voci “lordo” e “netto” vede che la prima è il doppio della seconda; quando prende l’autostrada per andare alla casetta al mare dei suoi si gioca metà del budget tra benzina e pedaggio.
Anzi! La casetta al mare non c’è più perché costava troppo, l’ha dovuta vendere per pagare la caparra del bilocale in periferia.

E non basta.
Quando accende la Tv non vede più soltanto tette, ma strani ragazzini americani che sono diventati miliardari a 21 anni, moltitudini di cinesi che invece di morire di fame come meriterebbero fabbricano di tutto, dalle t-shirt ai missili per andare sulla luna e si arricchiscono.
Tutti si arricchiscono. Tutti tranne lui.

Lui ha fallito, lui è un perdente, lui non conta un cazzo, lui non va da nessuna parte.
E hai voglia a spiegargli che il suo telefono costa quanto un motorino negli anni ’80 e che in casa ce ne sono tre. Hai voglia a dirgli che per fare un weekend a Parigi negli anni ’70 doveva vendersi un rene, mentre mò se la cava con 500 euri, volo da Bergamo, colazione inclusa.
Hai voglia a fargli notare che, in fin dei conti, chi stava meglio quando si stava peggio erano anche i suoi genitori, quelli che gli compravano il Ciao e il bomber e gli facevano fare le vacanze di tre mesi a Fregene.
Lui non capisce.
Si incazza.
Si incazza e basta.
Diventa una furia, se la prende con tutti: con i fottuti migranti che farebbero meglio a morire di fame nei loro paesi di merda, con i laureati con la puzza sotto il naso, con i Rothschild
con gli ebrei, e poi con i massoni, gli illuminati, le multinazionali del farmaco, la BCE, l’Euro, la pizza con l’Ananas, Saviano nel suo attico, i buonisti, le femministe, i radical chic col Rolex
E’ una vita di merda, la sua: perennemente incazzato, perennemente frustrato, perennemente inadeguato.
Preso in un circolo vizioso di rabbia senza fine.
Ma poi ecco che, d’improvviso, spunta l’alba
Di Maio nomina Freccero in Rai e Lino Banfi all’Unesco, si rifà viva la Cuccarini, il Ministro degli Interni è un simpaticone che nuota nella nutella e gliele suona agli africani, suo figlio avrà il reddito di cittadinanza e lui potrà andare in pensione tra 15 giorni.
Insomma tornano gli anni ’80. La vita, il mondo, l’universo possono tornare a funzionare come dovrebbero!

Solo un particolare sinistro continua a turbare le sue giornate, costantemente presente a rammentare che il tempo è passato e non si torna indietro.
Quando è solo, a mezzanotte e mezza, col ragazzino e la signora che dormono esausti, quando accende la TV e la sintonizza su TeleradioRoccaCannuccia per guardare la 150esima de “La dottoressa ci sta col colonnello” e comincia a massaggiare il fratellino pelato…
...beh, in quel momento lì, nel momento più importante della giornata, non succede niente.
Missing some Tweet in this thread?
You can try to force a refresh.

Like this thread? Get email updates or save it to PDF!

Subscribe to 🇪🇺Lucio di Gaetano🇪🇺
Profile picture

Get real-time email alerts when new unrolls (>4 tweets) are available from this author!

This content may be removed anytime!

Twitter may remove this content at anytime, convert it as a PDF, save and print for later use!

Try unrolling a thread yourself!

how to unroll video

1) Follow Thread Reader App on Twitter so you can easily mention us!

2) Go to a Twitter thread (series of Tweets by the same owner) and mention us with a keyword "unroll" @threadreaderapp unroll

You can practice here first or read more on our help page!

Follow Us on Twitter!

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just three indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3.00/month or $30.00/year) and get exclusive features!

Become Premium

Too expensive? Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal Become our Patreon

Thank you for your support!