1) Il petrolio venezuelano era il bersaglio grosso di Castro sin dal "Machurucuto" del'67.
Castro combatteva con le tattiche messe a punto con Raul e Che in messico'57 addestrando guerriglieri e infiltrandoli.
Lo sbarco del Granma e la marcia trionfale verso Labana, il modello.
2) Dalla crisi del '60 e la baia dei porci del '61, Castro era in guerra con la nazione più potente del mondo, ma aveva portato dalla sua parte la Russia, e ciò gli diede il ruolo perfetto: braccio armato occulto della rivoluzione comunista.
3) Reparti addestrarti alla guerriglia e al sabotaggio furono dislocati in tutto il mondo, segretamente appoggiati logisticamente da mosca ed i suoi alleati.
Cominciarono a fiorire guerre di liberazione, coniugate in salsa locale: la Terza Internazionale all'opera.
4) Tanto si è speculato sulla vera fede comunista del Cabal: sicuramente marxista era Raul, mentre il Che e Fidel erano semplicemente avvelenati con gli Stati Uniti, e avrebbero sposato il diavolo per combatterli.
M-26
5) Iniziò un periodo di dirottamenti, attentati, stragi, golpe e controgolpe, una scia di sangue in parte giustificata da una effettiva oppressione, in parte semplicemente tattica o dettata da mosca.
6) Tra le caratteristiche dominanti del suo carisma erano una assoluta spietatezza, l'ideologia variabile, niente di scritto, audacia, coraggio e incoscienza, a formare una figura semplicemente INFERNALE, in grado di spostare masse in tutto il mondo.
7) Tutto ciò venne travasato nel suo MITO (e del Che), che attraverso i canali della propaganda comunista, venne portato ad esempio dell'UOMO NUOVO.
IMHO, è questa la chiave di ogni rivoluzione: il mito, l'ideale, il supremo.
E'questo il marchio di SUPERBIA della moderna SINISTRA
8) Torniamo al Venezuela e alla LUNGA MARCIA che ha portato CUBA a prenderne il controllo.
9) Come accennato, tutto inizia con il "Machurucuto" del '67, che evidenzia la strategia di Castro sul come procurarsi il denaro per fare la Revolucion Mundialista: il Venezuela era il petrolio, e il petrolio era l'indipendenza da tutti:
lo sterco del Diavolo.
10) Chiusa la giocata, ma non l'intenzione, Castro continua ad operare in Venezuela attraverso l'alleanza con i narcos della confinante Colombia, safe heaven per i suoi e canale di esportazione verso gli Stati Uniti, altra tattica castrista per massacrare il nemico e finanziarsi.
11) Nell'89 cade il Muro, e Cuba è sull'orlo della catastrofe.
Castro lo aveva previsto, e nel '90 riesce ad organizzare, grazie a Lula, il Foro di Sao Paulo, una chiamata a raccolta di tutti gli amici di castro, per salvare Cuba. Stati, movimenti, guerriglieri, rispondono tutti
12) Con la semina di Sao Paulo, Fidel riesce in pochi anni a flippare molti stati latinoamericani, e a mettere sotto pressione gli altri, grazie anche all'eco internazionale alle sue istanze di finto-buoniste: indigenismo, missioni mediche, aiuti umanitari, tutte infiltrazioni.
11) In Venezuela coltiva soprattutto l'esercito, che sa bene essere la VERA chiave di una nazione, fino ad individuare Chavez, e ad arrangiare la sua salita al potere.
Era il'92, Chavez tenta un golpe, viene catturato. Fidel lo salva dalla fucilazione, e finisce in galera 2 anni.
12) Era il'92, Chavez tenta un golpe, viene catturato. Fidel lo salva dalla fucilazione, ma finisce in galera 2 anni.
Nel frattempo ci cade mezza america latina: Evo Morales, Correa, Zelaya, Kirkner, etc
13) Quando Chavez esce, la propaganda (v. prensa latina) ne ha fatto un eroe: entra in politica e nel '98 va al potere per elezione: era l'inaugurazione di una nuova fase del castrismo: il franchising degli anni 2000, venduto come Socialismo del XXI secolo.
Enter Bolivar
14) Notoriamente, Fidel non sopportava Bolivar, ma la fascia caraibica del sudamerica lo idolatrava, così mise al lavoro i suoi thinktank che riuscirono nell'impresa di raffigurare in Chavez l'erede di Bolivar e Castro:
capolavoro.
15) In tutto questo, misteriosamente, l'America incassava, e con l'eccezione di Bolton, nessuno mostrava di volersi occupare della faccenda, che stava letteralmente rivoltando l'america latina contro gli Stati Uniti.
Riassumo qui i presidenti americani dell'epoca:
16) Tra le prime misure "castriste", chavez licenziò 10,000 impiegati della petrolifera statale, PDVSA, sostanzialmente causandone il declino.
I cubani lo convinsero che si poteva mettere in piedi un circuito alternativo a quello "imperialista" e finanziare "tutto".
17) A stringere il cappio, mise consiglieri cubani nei porti, aereoporti, anagrafe, servizi segreti, guardia presidenziale, esercito
Non si fidava che dei cubani, i quali rispondevano direttamente a Fidel.
E si preparò così alla fase due: la conquista del potere con le elezioni.
18) Per farlo serviva il controllo di alcuni elementi:
- I Media: TV radio GIORNALI Siti Internet Telcos
- I circoli Bolivariani: Controllo di barrio, spionaggio, intimidazione
- l'anagrafe: collegi, elettori morti, doppi
- e il sistema di votazione elettronici del 2005: Trampa
19) Enter Smartmatic-Soros
In quegli anni si stavano diffondendo sistemi di voto online (vedi Agorà, italy) di votazione con macchinette di identificazione digitali.
Lo scopo era di creare una anagrafe di votanti "virtuali", da distribuire nei vari seggi per "mascherare" i brogli
20) A coprire i brogli e a garantire invece la trasparenza della votazione, fu chiamato il Centro Carter, giudicato da tutti sufficientement imparziale.
Che invece ratificò tutto, fornendo legittimità internazionale a Chavez, campione di democrazia.
21) Da allora, nonostante la crescita del malcontento e dell'opposizione, le elezioni hanno sempre riconfermato la vittoria di Chavez, riecandone la legittimità indiscussa.
Nonostante l'infame LISTA TASCON
22) Dopo il referendum'04 che invitava a votare CONTRO Chavez (perso), il deputato Tascon prese la lista di quelli che avevano votato contro e ne fece un CDROM, diffuso in tutti gli uffici e negozi statali.
Il risultato fu l'emarginazione degli oppositori.
Brutale. Definitiva.
23) Nel frattempo in Venezuela, nonostante il barile a 100+, la produzione declinava, le esportazioni venivano inviate in cambio di prestiti ricevuti, il sistema cubano non era per niente efficiente, e Venezuela affogava nei debiti, con vecchi nemici e nuovi amici.
1/2
24) Entra nel pieno la cubanizzazione 2.0: importazione centralizzata dei beni per sostituire il tonfo della produzione interna, controllo cambiario, mercato nero, partito unico, repressione feroce dissidenti, media sotto controllo.
L'opposizione vacilla, ma sopravvive.
25) Morto Chavez enter Maduro.
L'opposizione prova a risollvarsi, perde pezzi, viene divisa, ma nel 2016 affronta Maduro nelle piazze, e ne riceve piombo e morti.
Inizia la Cubanizzazione 3.0
26) Finchè l'opposizione riesce a vincere le elezioni e diventa maggioranza nell'Assemblea Legislativa.
Maduro impiega ogni mezzo per esautorarla, legale, intimidatorio, illegale.
27) La mossa di Guaidò è stata resa possibile dalla coincidenza con un piano Americano di riconquista del controllo di tutto l'asse Americano, Polo a Polo, di cui Venezuela era oramai l'ostacolo maggiore.
E dietro c'è Cuba
28) Cuba ha consolidato una specie di quieto vivere sotto Obama, ma il fallimento del progetto venezuela la ha rigettata nell'incubo della FAME.
La tenuta del Venezuela è fondamentale, legata come è ad altre alleanze "alternative" agli USA.
29) Diventa così semplice capire che liberare il Venezuela diventa finalmente la chiave per farla finita con Cuba e soci.
Due piccioni con una fava.
30) La protezione russa, che sottolinea la fedeltà dell'alleato, serve sicuramente per assicurarsi di curare i propri interessi prima del tonfo, interessi che non sono più "a babbo morto", ma in sonante ORO.
Crimea contro Venezuela?
31) Ma in vista delle elezioni 2020, non è tempo di forzare, ne'di stivali sul terreno, ma di esercitare pressione sino al momento giusto.
Saranno le elezioni finalmente libere a TERMINARE IL CHAVISMO?
O, come suggerisce Cuba, RESISTERE E PROVOCARE UN INTERVENTO, stile ALLENDE?
32) Oh, adorerebbero, i cubani, ma Trump ha altri metodi, di cui Bolton è il martello, e l'economia il vero incudine.
Non ha bisogno di truppe, ma di cuocere il chavismo, finchè si liquefà.
E di seguito, Cuba.
@threadreaderapp unroll, please. TY!
Missing some Tweet in this thread?
You can try to force a refresh.

Like this thread? Get email updates or save it to PDF!

Subscribe to OracoloQuantico🇮🇹🇫🇷🇺🇸
Profile picture

Get real-time email alerts when new unrolls are available from this author!

This content may be removed anytime!

Twitter may remove this content at anytime, convert it as a PDF, save and print for later use!

Try unrolling a thread yourself!

how to unroll video

1) Follow Thread Reader App on Twitter so you can easily mention us!

2) Go to a Twitter thread (series of Tweets by the same owner) and mention us with a keyword "unroll" @threadreaderapp unroll

You can practice here first or read more on our help page!

Follow Us on Twitter!

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just three indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3.00/month or $30.00/year) and get exclusive features!

Become Premium

Too expensive? Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal Become our Patreon

Thank you for your support!