A mente fredda e con un po’ di pazienza, proviamo a fare un’analisi serena della Zangrilleide usandola per riflettere più in generale sulla gestione del Covid. A febbraio (una vita fa) scrissi un thread su Burioni.

Il thread non mi sembra invecchiato e anzi molti principi si applicano pari pari a #Zangrillo.

Il che mi permette di non insistere troppo su quanto I MODI della comunicazione siano non meno importanti dei suoi contenuti.
Entriamo però nello specifico su alcuni punti.

Primo: invito chiunque a spiegarmi la frase “il virus è clinicamente morto”.

Non voglio sapere cosa “intendesse” Zangrillo: chiedo una definizione "da vocabolario".
Un medico che vada in televisione ammantato della propria autorevolezza con l’intenzione di orientare i comportamenti del cittadino NON può permettersi il LUSSO della fraintendibilità.

(Ah, non troverete definizione perché la frase non ha – clinicamente – senso).
Sulla comunicazione medica, per non ripetermi troppo, mi limito a Jaspers, “Il medico nell’eta della tecnica”, Cortina, pag. 6. Image
Su ciò che Zangrillo “intendesse” non mi soffermo (altro thread? qui è off topic).

Sottolineo però che la dichiarazione cade in una logica binaria (catastrofe/tutto bene) e che oggi NON ci possiamo permettere queste semplificazioni.
In questo, Zangrillo appartiene alla stessa scuola di Burioni e ha, a mio modesto parere, la stessa responsabilità morale su comportamenti irresponsabili che le sue parole – intese o fraintese – possono aver incoraggiato.
Secondo: il mito dell’asintomatico.

Il termine “asintomatico” non descrive un sano, non un malato e, in certi casi, nemmeno un asintomatico. L’uso disinvolto che se ne fa è fonte di molta, molta confusione.
Dal punto di vista clinico tanto caro a Zangrillo, l’asintomatico potrebbe essere un “portatore sano” e quindi non richiedere le SUE attenzioni.

Oppure potrebbe incubare, e non richiedere ANCORA le sue attenzioni.
Oppure potrebbe essere *paucisintomatico*, quindi affetto da una forma frusta, subclinica o anomala, a seconda di quali sintomi siano *attualmente* definiti come suggestivi della patologia in oggetto ed essere per questo di estremo interesse clinico.
Tutto ciò ci ricorda che i concetti di salute e malattia sono tutt’altro che univoci. Anche su questo non indugio per motivi di spazio e rinvio al consueto “Dove si nasconde la salute” di Gadamer, da me già più volte citato.

Dal punto di vista della sanità pubblica, invece, un asintomatico (che è spesso un vettore) non solo non è meno problematico di un malato, ma lo è assai di più perché non (clinicamente) visibile.

E CLINICAMENTE MOLTO INCISIVO (anche se non nell’immediato)…
…per cui dire che un virus è “clinicamente morto” quando c’è una pandemia in atto è semplicemente un’idiozia.

Celebre nota storica:

en.wikipedia.org/wiki/Mary_Mall…
Terzo: l’equilibrio.

L’equilibrio è il grande assente. L’equilibrio richiede alcuni atteggiamenti.

1. Contezza del rischio senza drammatizzazione e senza minimizzazione

2. Una comunicazione “efficace”, non “vera”

3. Una capacità sintetica fra *diverse* chiavi di lettura (quella clinica, quella epidemiologica, quella infettivologica…)

4. La capacità di elaborare delle risposte che tengano presenti le chiavi suddette e il loro impatto su un sistema ancora più complesso che è il Paese.
5. La capacità quindi anche di fare compromessi, di accettare risultati imperfetti ma efficaci rinunciando a soluzioni perfette solo entro la propria bolla di esistenza.

6. La rinuncia alla retorica continua che sembra accompagnarci anche nelle decisioni più banali…
…e il coraggio di ammettere alcune cose:

- Che del Covid sappiamo più di prima ma sempre poco
- Che tutto funziona ma nulla da solo risolve
- Che in attesa di un vaccino si andrà avanti per lunghi, faticosi, dolorosi e del tutto imprecisi compromessi
- Che l’aderenza della popolazione alle norme di contenimento è *fondamentale*.
- Che NON abbiamo tutto sotto controllo, il che non ci impedisce di operare con la massima saggezza possibile per governare la situazione come possiamo.
In assenza di questa saggezza, si ricade automaticamente nella scaramanzia – e la fede nella propria sola fettina di scienza, nella stretta visuale del proprio parabrezza, non è diversa in questo da una zampa di coniglio.
In Italia, IMHO e fino a prova contraria, l’unica persona che (pubblicamente) si è trovata all’incrocio tra epidemiologia, sanità pubblica, infettivologia e clinica e ha saputo RAGIONARE, PREVEDERE e DECIDERE è Crisanti.
(Senza nulla togliere ad altri illustri colleghi che stanno facendo continua e paziente opera di chiarezza – Galli etc. – e che lavorano lontano dai riflettori).
E dovremmmo forse interrogarci sull’ANELASTICITÀ DI UN SISTEMA che grippa per un virus che NON ha la trasmissibilità del morbillo, i tempi di incubazione dell’AIDS e/o la mortalità del vaiolo.
Perché se – Dio non voglia – dovessimo trovarci in futuro di fronte a una di queste situazioni, non so cosa proveremo tornando con la mente a certi bisticci televisivi.
P. S. - tema complesso, ho dovuto semplificare e tralasciare molti aspetti, me ne scuso

P. P. S. - Il thread è come sempre srotolato qui: cgaston.me/2020/09/05/cli…
Approfitto del @SignorErnesto per un addendum di ordine molto pratico (questo e seguenti)

• • •

Missing some Tweet in this thread? You can try to force a refresh
 

Keep Current with Cristiano M. Gaston

Cristiano M. Gaston Profile picture

Stay in touch and get notified when new unrolls are available from this author!

Read all threads

This Thread may be Removed Anytime!

PDF

Twitter may remove this content at anytime! Save it as PDF for later use!

Try unrolling a thread yourself!

how to unroll video
  1. Follow @ThreadReaderApp to mention us!

  2. From a Twitter thread mention us with a keyword "unroll"
@threadreaderapp unroll

Practice here first or read more on our help page!

More from @cmgaston

9 Jan
Il dibattito "Trump va bloccato dai social perché è pericoloso" vs. "È pericoloso che i social blocchino Trump" non mi appassiona.

Il tema è MOLTO importante, ma non lo si può affrontare se non viene prima correttamente inquadrato e siamo, IMHO, molto lontani dall'inquadrarlo.
La prima trappola è cadere nelle categorie "libertà" e "censura". Non sono questi i termini da usare.

La seconda è, limitatamente al mondo USA, una interpretazione totalmente erronea del 1A.
La terza è la posizione ambigua e non normata dei social che sono, di fatto, aziende che monetizzano (chi meglio, chi peggio) attraverso la manipolazione dei comportamenti (e quindi del modo di pensare che li genera) degli utenti.
Read 4 tweets
6 Jan
Chi si sorprende di quanto stia succedendo adesso forse non ricorda cosa succedeva ad aprile

E le conseguenze che ha avuto (spoiler: nessuna)
Per chi era distratto

vox.com/policy-and-pol…
Per mera cronaca, non sempre le invasioni di "protesters" armati negli edifici governativi è stata priva di conseguenze.

Scovate le differenze…

en.wikipedia.org/wiki/Mulford_A…
Read 4 tweets
2 Oct 20
Non dovremmo *scegliere* se dar retta a un economista o a un virologo.

Non dovremmo nemmeno scegliere a QUALE virologo dare retta.

Non dovremmo nemmeno avere bisogno di sentire i virologi: dovrebbe bastare il nostro medico di base.
Vi rendete conto che il rapporto segnale/rumore è intollerabile?

Vi rendete conto che OGNI informazione dopo sette mesi di sproloqui contraddittori è diventata sostanzialmente inefficace? Che quello che resta ormai è un penoso circo?
Vi rendete conto che in una situazione complessa si tende troppo spesso a manipolare la sola parte che si conosce e usarla, per estensione, per descrivere la situazione intera – e che questo NON va bene?

E che chi lo fa non se ne rende nemmeno conto e che questo è un problema?
Read 4 tweets
1 Oct 20
Inizio oggi un giochetto su Twitter che feci alcuni anni fa su Facebook (inutile che andiate a cercare, ho chiuso l'account 😬) e che all'epoca fu abbastanza divertente. Vediamo se funziona ancora.

È un quiz in tre parti e durerà alcuni giorni.
Chi mi seguì all'epoca è pregato di non rovinare la sorpresa... Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Vediamo cosa esce fuori.
QUIZ N. 1

Scenario post-apocalittico. Puoi scegliere UNA sola cosa da avere a disposizione. Cosa? Qual è la cosa più importante che ritieni di dover avere a disposizione?

Scatenatevi...

(no, non ci sono zombie e sì, potete tenere il cane) Image
Read 5 tweets
26 Sep 20
Iniziano (finalmente) i lavori per BombaMag n. 4!

Quindi, mood of the day... Image
Ho delineato il tema del numero in modo democratico e aperto alla discussione Image
Certo, i giovani sono quelli che sono e dobbiamo accontentarci Image
Read 5 tweets
19 Sep 20
La partita a freccette della puntata di #TedLasso di ieri è una perla

Io ve l'ho detto (S01E08)
"You know, Rupert, guys have underestimated me my entire life. And for years, I never understood why. It used to really bother me. But then one day, I was driving my little boy to school and I saw this quote by Walt Whitman and it was painted on the wall there." Image
"It said, 'Be curious, not judgmental.' I like that. So I get back in my car and I'm driving to work, and all of a sudden it hits me. All them fellas that used to belittle me, not a single one of them were curious. They thought they had everything all figured out." Image
Read 4 tweets

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just two indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3/month or $30/year) and get exclusive features!

Become Premium

Too expensive? Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal Become our Patreon

Thank you for your support!

Follow Us on Twitter!