Salve, sono Troy McClure. Ti sei appassionato al #ThreaddoneNucleare?
Vuoi sapere cosa sono stati 33 anni di Nucleare made in Ita? Eccone la seconda parte in cui scoprirai che è un autentico miracolo se siamo ancora qui vivi e vegeti dopo un centinaio di mini disastri nucleari.
Prima di tutto, diclaimer fondamentale: qui si parla di fatti. Nessuna opinione. Fatti che sinceramente dovrebbero essere stranoti all’opinione pubblica. Fatti che riguardano 27 anni di energia nucleare in Italia. Un mix di inesperienza e totale inconsapevolezza
Tutti questi piccoli incidentini, dimenticanze, mini Chernobyl non vi sono arrivate. Anche per questo motivo, chi ha un minimo di nozione di ciò di cui si sta parlando, sa perfettamente che l’Italia non ha il fisico per il nucleare
Ma veniamo a noi. Vi riassumerò la situazione ad oggi delle varie centrali sparse sul territorio in Italia, delle aziende che si sono via via avvicendate, degli errori madornali, dei veri e propri disastri ambientali che sono sicuro interesseranno il backyard di qualcuno di voi
Ancora una premessa. Non ha senso chiedere “sei o no favorevole al nucleare”? Il motivo cerco di spiegarlo se avete pazienza in questo piccolo sussidiario di Fondamenti di Ingegneria Nucleare che ho fatto pochi mesi fa (la 1a parte del #ThreaddoneNucleare)
Cominciamo da TRINO, Vercelli, Piemonte.
Ci sono ancora dentro gli elementi di combustibile all’interno del nocciolo. Plutonio, Uranio 235/239 e i relativi prodotti di fissione (Cesio, Stronzio ecc). 150kg in tutto. (150kg è una quantità enorme n.d.r.)
Per chi non ha la fortuna di esser Piemontese, fu costruita una barriera di cemento armato sul Po per deviare il flusso dell’acqua e garantire il raffreddamento alla centrale. Varie perizie hanno stabilito questa “traversa” come concausa per alluvioni ‘94 e ‘00.
Alluvioni che hanno colpito Trino e altre province. In pratica hanno chiuso bacini di sfogo del fiume per raffreddare la centrale e il fiume e esondato.
L’alluvione nel 00 raggiunse i depositi di scorie ed inondò Trino e Saluggia con acque reflue radioattive rilevate da Arpa Piemonte. Ad oggi non si conoscono i danni che ne derivarono. Possiamo immaginarli. C’è gente che ancora oggi da acqua all’orto debolmente radioattiva
Poi c’è SESSA AURUNCA, Garigliano (Caserta). È spenta dal ‘78. Ci fu un guasto ad un Generatore di Vapore. Mentre Enel la stava aggiustando nell’80 ci fu il Terremoto in Irpinia. Fu chiesta rivalutazione antisismica intero impianto.
L’adeguamento antisismico non si sarebbe ripagato con l’attività degli ultimi 10 anni di vita dell’impianto. Una volta fermato il rischio sismico è rimasto, ovvio. Il camino, alto 110 metri (assolutamente sbagliato da un punto di vista progettuale) è stato smantellato in 5 anni.
Ente di controllo sul Nucleare ha chiesto per anni di abbatterla. In 30 anni, l’unico materiale radioattivo portato via è il combustibile ora nella centrale di Sellafield dagli anni 70. Paghiamo tutt’ora un affitto all’Inghilterra. Circa 1.8 miliardi di euro in 30 anni.
Fortunatamente nel 2017 hanno cominciato la demolizione. Ci sono però tutte le altre esternalità, tra cui le centinaia di persone che vegliano sulla centrale per evitare fuoriuscite radioattive. 2 milioni di € all’anno. 70 anni di spese per meno di 15 anni di vita dell’impianto.
La cosa meravigliosa è che la centrale nucleare a catasto NON ESISTE GRAFICAMENTE. È costruita su una zona agricola. Tecnicamente l’Italia è il primo paese al mondo ad avere una centrale nucleare abusiva.
Poi quello che per me è il capolavoro. assoluto della storia del nucleare in Italia. Il reattore Cirene, a pochi km da Latina. Terminato a pochi giorni dal referendum dell’87. Mai entrato in funzione. Caso unico al Mondo.
La sua vicina di BORGO SABOTINO, sempre Latina è la prima ad essere accesa in Italia. Per un lungo periodo la più grande d’Europa, con 24mila barre di combustibile. Le alette di magnesio, a stretto contatto con il combustibile nel nocciolo, sono state interrate in una collinetta.
1200 metri cubi di scorie. Il nocciolo poi è ancora là, tutto intero. Con il suo potenziale radioattivo intatto. La particolarità della centrale è che era a gas-grafite. Una tecnologia inglese, già vecchia quando fu costruita.
Il problema della grafite è la sua permanenza della radioattività. Rimane attiva per migliaia di anni. Finchè non c’è il sito permanente per lo stoccaggio rimane nel nocciolo. Quindi cari follower di Latina, c’avete 1800 m3 di grafite radioattiva a qualche km da casa.
Poi ci sono i rifiuti che abbiamo inspiegabilmente importato da altri Paesi. Il caso Itrec di Rotondella, vicino alla bellissima Matera è il più noto, ma ce ne sono davvero molti altri.
È stato ‘rimosso’ a fine 2019. Ma ormai il danno è fatto. Là sotto rimane comunque interrato un intero impianto contenente liquido riprocessato. Non è ispezionabile da anni per l’altissima quantità di dosi presente.
Brevissima storia di Itrec: gli USA ci mandano negli anni ‘60/‘70 84 barre di uranio dalla centrale di Elk River per il riprocessamento. Dobbiamo estrarre Torio e Plutonio e rimandargliele indietro.
Poi Elk River chiude e gli USA ci dicono “non siamo più interessati alle barre, tenetevele voi”. Da 50 anni ci sono 50 persone che vegliano su ste barre. Insomma, ci hanno accollato decine di m3 di scorie non nostre: mai nessuno ci era riuscito da quando Fermi inventò la baracca
Ma non è tutto. Secondo vari pentiti di Ndrangheta, i fusti contenenti plutonio solido sono stati sotterrati nelle vicinanze della centrale e tutt’ora i magistrati non li hanno trovati.
Dimenticavo una cosa su TRINO, Vercelli.
Lì dentro c’erano 3mila m3 di rifiuti a bassa/media radioattività, che siccome non sapevano dove metterli sono stati seppelliti per terra. IN BUSTE DI PLASTICA. Le acque reflue sono ovviamente penetrate in falda.
Non so se avete idea di cosa significhino 3 mila m3 di rifiuti radioattivi insacchettati in fottute buste di plastica sotto una fottuta collinetta piemontese

• • •

Missing some Tweet in this thread? You can try to force a refresh
 

Keep Current with Matteo Grittani

Matteo Grittani Profile picture

Stay in touch and get notified when new unrolls are available from this author!

Read all threads

This Thread may be Removed Anytime!

PDF

Twitter may remove this content at anytime! Save it as PDF for later use!

Try unrolling a thread yourself!

how to unroll video
  1. Follow @ThreadReaderApp to mention us!

  2. From a Twitter thread mention us with a keyword "unroll"
@threadreaderapp unroll

Practice here first or read more on our help page!

More from @mdimagritt

3 Aug
Allora, la città di Alessandria ha un problema. Vi spiego. Due giorni di tempesta hanno sradicato una grossa parte di tetti. È quasi tutto Eternit. Amianto. In questo momento quasi ogni strada ha pezzi di lastre di Asbesto. Ci passano sopra le macchine. È una bomba ad orologeria.
Ora, il problema è. La provincia di Alessandria è in assoluto una delle più “amiantizzate” d’Italia. Il comune di Alessandria anche più di quello tristemente noto di Casale. Come potete vedere dai dati di @ArpaPiemonte, le coperture in Amianto ancora da bonificare sono centinaia
Più probabilmente migliaia. E sono solo quelle censite. Immaginate quanti altri piccoli hotspot ci sono. Ad ora tutte le lastre giacciono per terra. Le macchine ci stanno passando sopra sminuzzandole. Ora è tutto bagnato e la fibra non si sta liberando ->
Read 12 tweets
4 Jul
Hey, tu. Si, dico a te! Te lo leggo in faccia pure se siamo su Twitter. Hai appena visto Chernobyl di HBO? Ti sei tutto turbato? Hai voglia irrefrenabile di capire come funziona l’Energia Nucleare? Vuoi sapere se bisogna o meno costruire qualche bella centrale pure in Italia?
Insomma, vuoi capirne di più sulla scissione dell’atomo e vuoi qualche nozioncina di Fisica ed Ingegneria Nucleare ma non hai tempo e voglia di iscriverti al Politecnico di Torino?
Ma c’è qui Matteo! Un individuo che peraltro ha perso praticamente una mezza giornata per sbobinare il - temutissimo dai poteri forti e deboli - Threaddone Nucleare, un insieme di Tweet pazzesko in cui vi romperò i maroni ed in cui però vi fornirò una quantità di dati e concetti
Read 61 tweets

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just two indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3/month or $30/year) and get exclusive features!

Become Premium

Too expensive? Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal Become our Patreon

Thank you for your support!

Follow Us on Twitter!