Non esiste oggi una cultura di sinistra mondialmente unificata, a causa delle grandi diversità di sviluppo delle culture nazionali.
Esiste però una generica sensibilità di sinistra, che definiremo in termini di sintesi di arcaismo operaistico e di cultura post-moderna.
Nel Novecento la tradizione della sinistra si è politicamente frammentata nei movimenti comunisti, socialisti, socialdemocratici, laburisti, radicali, populisti, religiosi, eccetera, conservando però sempre una sorta di minimo denominatore culturale comune.
Non è esatto a mio parere dire che questo minimo denominatore culturale comune è stato il principio dell'uguaglianza, anzi più precisamente dell'eguagliamento progressivo (come dicono alcuni autorevoli commentatori).
È più esatto invece dire che il riferimento all'eguaglianza, o meglio il riferimento astratto e sublimato al popolo o alla classe operaia che ne incarnava sociologicamente la "sostanza",
non era che una sorta di fondamento ideologico illusorio che faceva da supporto alla robusta tendenza alla modernizzazione del costume ed alla polemica culturale antiborghese.
È necessario che questo punto venga capito molto bene, perché in caso contrario la natura filosofica della "sinistra" non può essere colta, e ci si aggira allora in labirinti teorici senza uscita.
Il personale politico di "sinistra" è uno dei personali politici più ferocemente disegualitari che esistano (al di là ovviamente di eccezioni apostoliche che hanno la funzione di creare santini religiosi ed alibi permanenti),
e lo è appunto perché il suo terreno d'elezione e di differenziazione è unicamente quello del potere politico, e non dell'accumulo di denaro o della meritocrazia professionale (due valori storicamente non di sinistra).
L'ossessiva fissazione della sinistra sulla "politica", con la conseguente ossessiva politicizzazione di tutti gli ambiti della vita quotidiana (fino alle assurdità del cosiddetto politically correct),
è appunto la conseguenza strategica del rifiuto delle scelte di vita basate sull'accumulo di denaro oppure sulla meritocrazia professionale.
La conseguenza tragicomica sta allora nel fatto che l'arcaismo operaistico ed il riferimento ai poveri non è che il risarcimento simbolico della frenetica corsa alla modernizzazione post-moderna del costume, che è insieme antiborghese e nello stesso tempo ultracapitalistica.
È questo un obiettivo che unisce la sinistra al pensiero unico delle oligarchie finanziarie transnazionali, anche se ovviamente la sinistra non lo capirà mai.

Costanzo Preve, Nichilismo Verità Storia, 1997.

• • •

Missing some Tweet in this thread? You can try to force a refresh
 

Keep Current with Dante Preve

Dante Preve Profile picture

Stay in touch and get notified when new unrolls are available from this author!

Read all threads

This Thread may be Removed Anytime!

PDF

Twitter may remove this content at anytime! Save it as PDF for later use!

Try unrolling a thread yourself!

how to unroll video
  1. Follow @ThreadReaderApp to mention us!

  2. From a Twitter thread mention us with a keyword "unroll"
@threadreaderapp unroll

Practice here first or read more on our help page!

More from @Ingestibile79

15 Feb
La supersvalutazione della lira fu il fulcro dell'attacco concentrico della finanza cosmopolitica contro lo Stato italiano.
Il protagonista dell'operazione fu quello che l'ordine del discorso, ieri come oggi, santifica con l'appellativo di "filantropo", alias George Soros, e che in realtà corrisponde a una delle principali dramatis personae del capitale speculativo cosmopolitico.
Ammiraglio del Quantum Fund e protagonista di una serie notevole di colpi di stato finanziari orchestrati in svariate nazioni nel mirino della monarchia del dollaro,
Read 24 tweets
13 Feb
...il 1992 fu l'anno decisivo per la ridefinizione del rapporto di forze in Italia. Non fu soltanto l'anno del trattato di Maastricht, con cui si avviò la desovranizzazione global-capitalistica dell'Europa tutta.
Né fu solamente l'anno di Mani Pulite, ossia del colpo di Stato che garantì la liquidazione en bloc della vecchia classe politica e l'ascesa al potere di quella nuova, a capitalismo integrale.
Fu anche l'anno del grande raduno (2 giugno 1992), nei pressi di Civitavecchia, a bordo del lussuoso panfilo della Regina Elisabetta.
Read 14 tweets
11 Jan
Uno dei due o tre sprazzi di luce che sfolgorano al nostro orizzonte scaturisce dal fatto che al dissesto morale di certi giornali si accompagna anche il loro dissesto mentale.
Le odierne testate ufficiali, come il "Daily News" o il "Daily Chronicle" (almeno per ciò che riguarda la politica), semplicemente non possono discutere; e semplicemente non pretendono di discutere.
Immaginano quale soluzione sia più gradita ai plutocrati, e la ripropongono sempre nello stesso modo; il che non equivale ad alzare le mani in segno di resa, bensì a cadere a terra in segno di disfatta.
Read 5 tweets
10 Jan
Invitato nel 2011 a introdurre i lavori della World Health Assembly, l'organo decisionale degli Stati membri dell'OMS, Bill Gates vi proclamava il 'Decennio dei Vaccini':
"Quando pensiamo al modo più efficace per impiegare le nostre risorse, un intervento spicca su tutti: i vaccini. Oggi vorrei parlarvi di come potete usare la vostra leadership per fare di questo decennio il Decennio dei Vaccini.
I vaccini sono una tecnologia estremamente elegante. Sono poco costosi, facili da somministrare e dimostratamente efficaci nel proteggere i bambini dalle malattie.
Read 7 tweets
30 Dec 20
I mesi che ci lasciamo alle spalle rappresentano uno dei momenti più bui nella Storia dell’umanità: per la prima volta, dalla nascita del Salvatore, le Sante Chiavi sono state usate per chiudere le chiese e limitare la celebrazione della Messa e dei Sacramenti.
Per la prima volta la Pasqua di Risurrezione ha costretto molti fra noi ad assistere alle funzioni via internet, privandoci della Comunione.
Per la prima volta ci siamo accorti, con dolore e sgomento, della diserzione dei nostri Vescovi e dei nostri parroci, asserragliati nei loro palazzi e nelle loro canoniche per timore di un’influenza stagionale che ha mietuto quasi lo stesso numero di vittime degli ultimi anni.
Read 57 tweets
30 Dec 20
Che cosa intendiamo noi quando usiamo questa parola «regime»?
Intendiamo una situazione in cui vengono progressivamente a sbiadire e sparire le caratteristiche di quello che è e dovrebbe essere lo Stato moderno;
uno Stato di diritto, uno Stato indipendente da ogni esterno potere, uno Stato democratico, la cui sovranità appartiene effettivamente al popolo e in cui i diritti dei cittadini sono rigorosamente rispettati,
Read 18 tweets

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just two indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3/month or $30/year) and get exclusive features!

Become Premium

Too expensive? Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal Become our Patreon

Thank you for your support!

Follow Us on Twitter!