Nico Piro Profile picture
Inviato @tg3web Provo a dare voce a chi non ha voce. Se vuoi la pace, impara a conoscere la guerra. Mobile Journalism @mojoitaly Op.pers.

Sep 17, 2021, 17 tweets

#17settembre #Afghanistan queste donne sono parte del personale (circa 1000 unità) del defunto ministero agli Affari Femminili, cancellato dai talebani. Sono disoccupate e disperate. Una di loro dice: uccideteci, bruciateci con la benzina 1/15

Il video sta generando confusione e, nella guerra di fake news in atto, viene spacciato come: i talebani vietano alle donne di lavorare per il governo. Falso, almeno per ora (non che l'abolizione del ministero sia acqua fresca!).
Gira anche un documento👇 ma è anch'esso fake 2/15

Questo video è invece linfa vitale per i taleb, racconta della liberazione di un ragazzino rapito da criminali a Herat. Non solo guerra, in questi anni gli afghani nelle grandi città hanno subito una feroce criminalità: rapine, furti, sequestri di persona 3/15

Questa criminalità senza freno e il mix complicità/incapacità/indifferenza delle autorità hanno moltiplicato supporto per i talebani che oggi usano questi episodi per far dimenticare gli altri problemi del Paese (in primis l'incombente crisi economica) 4/15

Le banche, davanti alle quali ogni giorno non c'è fila ma calca, stanno per chiudere per mancanza di contanti. A poco serve la parata di dollari sequestrati dai talebani nelle case dei corrotti ex potenti d'Afghanistan. Spiccioli rispetto alla crisi
5/15
reuters.com/world/asia-pac…

Ieri riunione taleb al governatorato della remota e misteriosa provincia del Nuristan. Notate gli intarsi in legno, antica tradizione di questa terra fino a 2 secoli fa animista non islamica, popolata da afghani con occhi e capelli chiari, eredi di Alessandro
6/15

Ieri avevo trovato un video, chiedendo aiuto nel validarlo come vero, sulla storica fortezza del distretto di Greshk (dove Tamerlano avrebbe perso una gamba) in corso di demolizione per costruire madrassa. Vero ma autorità locali dicono che i bulldozer siano stati fermati
7/15

A proposito di beni culturali girano allarmanti voci sul tesoro del museo nazionale, smentite ufficialmente ma ricordiamone la storia: il tesoro (opere straordinarie tra influssi greci e del popolo delle steppe) scomparve durante la guerra civile e venne dato per perso
8/15

Nel 2003 un gruppo di eroici dipendenti del museo si presentó da Karzai e gli riveló il luogo in cui l'avevano nascosto. Il tesoro è stato esposto in tutto il mondo (in Italia con la mostra "tesori ritrovati") e poi riportato a Kabul, in attesa di costruzione nuovo museo
9/15

La resistenza del Panshir si affida a K street, cioè ai lobbisti di Washington per ottenere armi e soldi dalla Casa Bianca che di infilarsi in un'altra guerra per procura non ne vuole però sapere. La società di lobbying ha assunto incarico pro bono
10/15
nytimes.com/2021/09/15/us/…

Un cartellone di propaganda talebana nella provincia di Khost, nella foto Bowe Berghal il soldato americano (disertore per sentenza ma la sua vicenda resta indefinita) rapito dai taleb e liberato dopo lo scambio con i Guantanamo Five, taleb prigionieri oggi al governo
11/15

Ne parlai nei primi giorni: questi due bimbi sono morti avvelenati da funghi raccolti in un campo profughi in Polonia, dopo essere fuggiti da Kabul con la famiglia con il ponte aereo. Polemiche; non avevano abbastanza da mangiare. Ieri sepolti a Nangharar.
12/15

Sapete cosa significa lasciare il proprio Paese? Portarsi dietro solo quello che va in valigia, vendere tutto il resto, casa compresa. Se mercato immobiliare a Kabul (sin'ora caldissimo) è crollato, per strada si vendono mobili e altri beni. Tragedia
13/15
tolonews.com/afghanistan-17…

Ieri abbiamo parlato di #Afghanistan con la grande Anna Maria Giordano a @radio3mondo su @Radio3tweet Per riascoltare 👇

raiplayradio.it/audio/2021/09/…

14/15

L'agenzia Pajwhok e altri media afghani riferiscono di un fiorente mercato nero di passaporti, documenti la cui emissione è stata sospesa per oltre un mese (assieme a quella di tutti gli uffici pubblici)
15/15 continua

Sabato #18settembre ore 12 a #Milano Casa @emergency_ong si proietta mio documentario su #Afghanistan "Un Ospedale in guerra" segue dibattito con @rossmiccio e il viaggio di Amal. Dalle 9.30 giochi con i bimbi. Prossima proiezione 7 Ottobre #Torino Cineteatro Barretti

Questo per me è un giorno difficile. Lo è da 12 anni. Oggi forse di più perché gli autori di quell’attentato siedono all’ARG, il palazzo presidenziale di Kabul.
Nella sua completa circolarità, la Storia ci ammonisce sull’assurdità della guerra, pena che l’uomo si autoinfligge

Share this Scrolly Tale with your friends.

A Scrolly Tale is a new way to read Twitter threads with a more visually immersive experience.
Discover more beautiful Scrolly Tales like this.

Keep scrolling