SonoPaola Profile picture
Fotografo squarci di bellezza nel mondo e li racconto. Apartitica e stanca di leggere critiche a tutti. Non ho ancora capito che ci faccio su Twitter ✍🏻
3 Aug
Facciamo il punto sul #coronavirus
Si trasmette facilmente e al chiuso permane per più di mezz’ora nell’aria nelle minuscole goccioline che emettiamo anche solo parlando
Non colpisce solo i polmoni, ma tutto il corpo e gli organi perché si lega ovunque esista un tipo di recettore
Questo recettore a cui si lega il #SARSCoV2 con la sua proteina spike si chiama ACE2. Il #virus colpisce molte persone che restano #asintomatiche ma che sviluppano comunque lesioni, soprattutto a livello cardiocircolatorio.
Lascia lesioni e sintomi anche a lungo termine (cronici) di cui ancora non si conosce molto per evidente scarsità di dati.

Un dato positivo è che muta lentamente e quindi si presta al #vaccino.
Read 9 tweets
2 Aug
Era il 1859, il 24 giugno, e nei campi attorno a #SanMartino e #Solferino, poco a sud del lago di #Garda, si scontrarono gli eserciti austriaco e dell’alleanza franco- sarda, in quella che fu la più cruenta delle battaglie della Seconda Guerra di Indipendenza.
Le dovete immaginare le trombe, i tamburi, le urla, i nitriti dei cavalli lanciati al galoppo, il sudore e la paura dei #soldati mandati al massacro con una baionetta o una spada.
In ginocchio, sparare, via! Il tuono dei cannoni, il suono secco dei colpi di fucile.
E giù morti, e urla, e sangue.
Durò 15 ore e alla fine rimasero sul campo 6000 morti e 40.000 feriti. Del sangue di quei soldati rimase intriso il terreno per anni. E di ossa.
Erano così tanti che non si sapeva dove seppellirli, e marcivano al sole e al caldo di quelle giornate
Read 15 tweets
5 Jul
Le #MASCHERINE
Serve ancora fare chiarezza? A volte ho la sensazione che ciò che pare ovvio agli addetti ai lavori non lo sia altrettanto per chi non è solito usarle e non è stata fatta una buona campagna informativa. Metti, togli, serve, non serve.
Vediamo di chiarire. Image
La #mascherina serve soprattutto al chiuso, dove le #goccioline di saliva o respiratorie (#droplet) ristagnano o anche ora, in estate, sono trasportate dagli impianti di #ariacondizionata.
All’aperto bisogna stare molto vicini ad una persona infetta per essere contagiati. Image
Ma non tutte vanno bene. L’ideale sarebbe indossare mascherine #ffp3, che ci proteggono, ma voi capite che non bastano per tutti. Sono care. E comunque non proteggono gli altri, perché la valvola blocca in entrata ma non in uscita. Qui sopra uno non protegge Image
Read 8 tweets
4 Jul
Oggi cercherò di fare chiarezza sul tristemente famoso ERRE CON ZERO, ovvero il tasso di riproduzione di base di una #malattia #infettiva.
Si scrive #R0 e indica quante persone contagia mediamente una persona infetta.
Cambia da virus a #virus e non indica la gravità, ma solo il modo in cui si diffonde
Per il #morbillo per esempio è molto alto. Per il #SarsCov2 è più basso.
Quando R0 = 1 ogni persona ne infetta un’altra.
Quando R0 < 1 ovvero minore di 1 l’epidemia va spegnendosi
Quando R0 > 1 ovvero maggiore di 1 va aumentando
Questo ovviamente non significa che ogni persona realmente ne infetta un’altra e basta. Significa che mediamente l’#epidemia si diffonde così, con una media fra chi sta in casa e non infetta nessuno e chi ha una ricca vita sociale
Read 6 tweets
3 Jul
Vi racconto la storia di un giorno in #pandemia. Perché anche un tweet può diventare #virale.
Una ragazzina che si dichiara contraria ai #vaccini. Sicura mi dice: “Si informi”. Nasce da lì la voglia di dirle: “Ma tu che hai evitato tutte le #malattie dell’infanzia, cosa sai?
Che ne sai dei bambini del passato, del #morbillo, della #pertosse, fino alla #poliomielite?
Li hai visti i bambini zoppicanti, in carrozzina, nei polmoni d’acciaio? O quelli butterati dal #vaiolo? Li hai mai visti i #lebbrosi? I volti deturpati, le mani che perdono pezzi?
Scrivo un tweet e lui fa lo #spillover e dai miei pensieri rimbalza in quelli di tanti altri. Ogni tweet è un potenziale #virus, ma a volte non trova popolazione infettabile. A volte avviene che pochi si infettino e muore lì, come #ebola in un villaggio nella giungla di internet
Read 12 tweets
1 Jul
Ho un ricordo, di tanti anni fa, di un articolo di giornale. Parlava di #RosannaBenzi. Nel 1962 fu colpita da poliomielite a #14anni. Visse 29 anni all’#ospedale #SanMartino di #Genova dentro un polmone d’acciaio. Scrisse anche un ##libro: Il vizio di vivere.
Sembra una macchina di tortura, vero? Forse lo era. Di certo sarebbe una tortura per tutti coloro che non sopportano una #mascherina o per quelli che hanno sofferto il #lockdown Eppure in quella macchina hanno vissuto in tanti.
Anche tanti bambini ai quali la #poliomielite toglieva la capacità di respirare. Allora dentro il #polmonedacciaio si creavano delle differenze di pressione che permettevano al torace di espandersi e fare entrare e uscire aria
Read 9 tweets