Chi vince, chi perde. Note sparse

[1] Iniziamo dal #ReferendumCostituzionale2020. Stavolta vince il Sì e #IoHoVotatoNO.
Il Sì è stato un voto di pancia? un voto dell'antipolitica? Certamente c'è anche questo o forse soprattutto questo. Detto ciò,
>>>
[2] non bisogna nascondersi dietro un dito, dietro al fatto che sulla carta il No aveva a stento il 5% e poi ha preso il 30%. Stupidaggini. Il No ha perso in modo netto: non c'è regione, non c'è provincia dove abbia vinto o perso con margine esiguo.
>>>
[3] E quindi anche senza election day il risultato non sarebbe cambiato. Prendiamone atto e facciamo di tutto perché vengano apportate quelle modifiche (costituzionali, legislative, regolamentari) che evitino che l'esito referendario faccia danni irreparabili.
>>>
[4] Per quel che riguarda i partiti tutti o quasi possono dire di aver vinto. E lo dicono. Ovviamente i più legittimati a farlo sono i 5S: la modifica è soprattutto colpa (o merito) loro.

E ora veniamo alle elezioni regionali.
>>>
[5] Se guardiamo le elezioni regionali precedenti, dovremmo dire che ha vinto il cdx (ha tenuto le sue regioni e ne ha guadagnata una), hanno perso il csx (ne ha tenuto 3 delle 4 che aveva) e i 5S (nessuna ne avevano e nessuna ne hanno ora, ma hanno perso tanti voti).
>>>
[6] Però sarebbe una valutazione se non errata di certo incompleta. Dal 2015 è cambiato tutto o quasi e se guardiamo a quella che era la tendenza, se guardiamo alle aspettative, allora il bilancio è parecchio diverso.
>>>
[7] Piccola parentesi terminologica.
Lo dico ora e non lo ripeto più: scrivo csx per convenzione, ma so benissimo che di sinistra c'è poco o nulla. Più spesso nulla che poco.
Chiusa la parentesi continuo.
>>>
[8] Dicevamo che in un'altra ottica, quella delle aspettative, il risultato è molto diverso. È il cdx ad aver perso e in modo abbastanza evidente: puntava dichiaratamente ad un 5 a 1 ed è finita con un 3-3
>>>
[9] Piccolo inciso: qui non parliamo della Valle d'Aosta per la quale non solo non si conosce il risultato dello spoglio, ma non c'è neppure l'elezione diretta del Presidente (e questo basta a farmi prendere in considerazione l'idea di trasferirmi).
>>>
[10] Chi vince? Vincono i presidenti uscenti.
Il #Covid ha fatto 35.000 morti ma ha fatto un gran bene ai presidenti uscenti (a parte #Fontana, ma per sua fortuna in Lombardia non si votava).
#Zaia aveva già vinto largamente nel 2015, stravince ora.
>>>
[11] A scrutinio di fatto terminato (mancano 12 sezioni su 4.751) è al 76,78%. Cinque anni fa prese il 50,08%.
E se pensate l'esito scontato abbia favorito l'astensionismo vi sbagliate: l'affluenza sale di 4 punti rispetto a 5 anni fa (61,15 rispetto a 57,16).
>>>
[12] È l'unico presidente leghista e #Salvini non ha molto di cui gioire. La lista personale di #Zaia stravince: 44,58% (23,08% cinque anni fa) mentre la Lega è ferma al 16,91% (17,82% cinque anni fa).
>>>
[13] Non so se #Zaia voglia prendere il posto di #Salvini (lui nega) di certo l'autonomia spinta perseguita Zaia non può essere gradita dall'elettorato meridionale ed è quindi incompatibile con il progetto di Salvini di una Lega partito nazionale. Vedremo cosa succede.
>>>
[14] L'omologo di Zaia nel csx è #DeLuca. Prende il 69,48% dei voti (5.688 sezioni su 5.827) mentre cinque anni fa si era fermato al 41,15%.
Ma il parallelismo con Zaia si ferma più o meno qui. Molti i fattori che li differenziano.
>>>
[15] In primo luogo quello anagrafico che ci fa escludere possa diventare un pericoloso concorrente per Zingaretti. Poi non vi è quella inconciliabilità tra la sua politica e quella del partito che abbiamo visto esserci per Zaia.
>>>
[16] Il suo risultato personale è frutto di una coalizione amplissima di liste (tanti i candidati discutibili) e la sua lista personale si ferma al 13,28% (a fronte del 16,98% del PD). Non è un pericolo per Zingaretti, ma resta un personaggio ingombrante con cui fare i conti.
>>>
[17] Ora mi fermo. Se ho tempo e voglia, proseguirò più tardi. Nel frattempo i miei 25 lettori (non è un segno di presunzione, ma solo una fisiologica inflazione) si saranno almeno dimezzati.
>>> (forse)
[18] Altro presidente uscente riconfermato e altro personaggio ingombrante (non solo per la stazza fisica) è #Emiliano. Se la vittoria di De Luca era certa, quella di Emiliano era più che incerta. I sondaggi davano infatti vincente il candidato del cdx #Fitto.
>>>
[19] Per quanto detto prima - alla fine, volenti o nolenti, il confronto lo si fa sempre con le aspettative - la sua vittoria è ancora più pesante. Aveva contro un candidato del cdx, uno del M5S e uno (evidentemente di disturbo) della premiata ditta Renzi-Calenda.
>>>
[20] Ne è uscito con un ottimo 46.77% (quando mancano una sola sezione su 4.026) distanziando il suo principale avversario di quasi 8 punti. In una situazione molto più complessa rispetto a cinque anni fa ottiene un risultato percentualmente di poco peggiore
>>>
[21] (era il 47,12%), ma migliore in numero di voti (quasi il 10% in più). Merito anche delle ben 15 liste che lo appoggiavano (erano 8 cinque anni fa).
Non sappiamo cosa farà da grande e probabilmente non lo sa neppure lui. Intanto ha cinque anni per pensarci.
>>>
[22] E veniamo all'ultimo dei presidenti riconfermati: Giovanni #Toti. Alla fine prende un ottimo 56,13% mentre nel 2015 si era fermato al 34,44%. Da allora ha anche fondato un partito (Cambiamo) che aspirava ad essere la quarta gamba del cdx e un'aspirazione è restata.
>>>
[23] I sondaggisti non inseriscono neppure il parrtito nei loro sondaggi e quando lo hanno fatto non è andata mai oltre lo zerovirgola. Forse mi sbaglio ma non credo abbia un grandissimo futuro politico, ma intanto si è conquistato un altro mandato come Presidente.
>>>
[24] Due parole anche su Ferruccio #Sansa candidato sostenuto da PD e M5S. È la seconda esperienza di questo tipo e il secondo fallimento (il primo era in Umbria l'anno scorso). Era anche il secondo candidato "civico" e non credo sia un caso.
>>>
[25] Sia il PD che il M5S non possono o non vogliono appoggiare un candidato dell'altro partito e finiscono con lo scegliere candidati che non convincono gli elettori. Poi Sansa ci ha messo del suo dicendo che avrebbe votato No al referendum. Occorre fare il salto di qualità.
>>>
[26] Infine le due facce nuove (si fa per dire).
#Giani vince in Toscana. È un politico di lunghissimo corso, pare non perda un'inaugurazione, una sagra, conosce tutti e tutti lo conoscono. Un politico di quelli di una volta che vive sul territorio e non in rete.
>>>
[27] Alla fine forse questo è stato uno degli elementi che gli hanno consentito di fare meglio del suo predecessore #Rossi. Questi nel 2005 si era fermato al 48,02% mentre #Giani è arrivato al 48,62% (3.933 sezioni su 3937).
>>>
[28] Ma soprattutto ha avuto oltre 863k voti mentre Rossi si era fermato a 657k. Cosa è successo? È successo che nel 2015 molti elettori del PD delusi dalla politica renziana avevano disertato le urne (affluenza al 48,28%).
>>>
[29] Ora invece Renzi si è fatto il suo partitino - ci torneremo (forse) - e la Lega faceva paura (al csx va riconosciuto di avere abilmente enfatizzato il pericolo nonostante #Giani ora lo neghi). Così la partecipazione è risalita al 62,6%.
>>>
[30] È un déjà vu. È l'esatta replica di quel che è successo pochi mesi fa in Emilia-Romagna. C'era anche la lista che aspirava a pesare sulla politica di Giani spostandolo verso sinistra. Non si chiamava Toscana coraggiosa ma il senso era quello.
>>>
[31] In entrambi i casi #Salvini ci aveva puntato tutto e ne è uscito scornato. Viene da pensare che sia meno sveglio di quanto voglia farci credere e che i suoi alleati lo siano più di lui.
Tornando a #Giani si muove in assoluta continuità con Rossi. Nel bene (?) e nel male.
>>>
[32] E siamo arrivati ad #Acquaroli. Con lui il cdx conquista la Marche, ma il risultato finale è stato determinato da diversi fattori. Acquaroli cinque anni fa era arrivato terzo, sostenuto da Lega e FdI ma non da FI che il cui candidato era arrivato quarto.
>>>
[33] Stavolta il cdx si presentava unito. Invece il csx (rectius, il PD) ha deciso di non ricandidare il presidente uscente con annesse polemiche, distinguo, ecc. ecc. E nonostante Acquaroli non abbia fatto mistero delle sue simpatie fasciste (v. la cena ad Acquasanta),
>>>
[34] la mobilitazione antifascista stavolta non ha funzionato. E pure "Marche coraggiose" - si chiamavano davvero così - è andata maluccio (1,5%)

A più tardi (forse) per i partiti e le eventuali conseguenze nazionali del voto
>>> (forse)
[35] Il principale effetto del #referendum è che lo scioglimento anticipato delle Camere diventa un'ipotesi remotissima. L'unico partito che dovrebbe accrescere il numero degli eletti è FdI. La stessa Lega rischia di rimetterci o al limite di guadagnarci pochissimo.
>>>
[36] Il che significa che anche molti parlamentari leghisti non avrebbero alcuna certezza di essere rieletti. E si sa che è meglio fare il parlamentare di opposizione che non farlo affatto.

Più complesse le conseguenze delle elezioni regionali.
>>>
[37] Tra i partiti vince sicuramente il PD, spesso prima forza (ottimo il 34,7% della Toscana). Ma forse dovremmo dire che ha vinto Zingaretti. In queste settimane c'era un gran lavorio fuori e dentro il PD per fargli le scarpe e spostare l'asse del PD ancora più a destra.
>>>
[38] Un cattivo risultato elettorale doveva essere la scintilla che dava fuoco alle polveri. I congiurati non si arrenderanno ma intanto sono costretti a fermarsi per un po'.

Continuando a guardare alle forze di maggioranza, il M5S passa per essere uno dei perdenti.
>>>
[39] Non hanno certo vinto, ma non si possono neppure liquidare come sconfitti senza tener conto dei cambiamenti intervenuti negli ultimi due anni.
Cinque anni fa l'elettore che votava per il #M5S lo faceva in opposizione a tutti gli altri partiti, anzi ai partiti.
>>>
[40] Ora il M5S ha accettato la logica parlamentare, ha capito che se non fa alleanze non governa. Bene, benissimo. La democrazia bloccata l'abbiamo conosciuta e tenere i voti dei 5S in congelatore non avrebbe fatto il bene del Paese.
>>>
[41] Quell'elettore che 5 anni fa votava contro i partiti oggi o non vota oppure fa i conti con questo nuovo modo di relazionarsi con gli altri. Insomma, il calo di voti è un male legato alla crescita (non dei consensi, ma politica).
>>>
[42] Avere la febbre non è piacevole, ma difficilmente prelude al decesso. Del resto il M5S è già stato dato per morto più di una volta e non è il caso di ripetere certi errori di valutazione.
>>>
[43] L'elezione diretta del presidente penalizza le piccole forze politiche che non sostengono i candidati più forti, ma non basta a spiegare la crisi nera della #sinistra. Che raccoglie consensi minimi sempre e comunque, anche quando si presenta all'interno della coalizione.
>>>
[44] In Toscana non ci sarà nessun consigliere a sinistra del PD nonostante le numerose liste: Partito Comunista Italiano (0,96%), Partito Comunista (1,05%), Toscana a Sinistra (2,86%), Sinistra Civica Ecologista che appoggiava Giani (2,96%) e forse me ne è scappata qualcuna.
>>>
[45] Non so quale possa essere il rimedio, ma qualcosa bisogna fare.

Per risollevarci dalle desolazione degli ultimi tweet parliamo della quarta forza che fa parte della maggioranza di governo: #ItaliaViva (lo so che aspettavate questo momento dall'inizio del thread).
>>>
[46] Nata con l'intento di spaccare tutto, i sondaggi la relegano da mesi intorno al 3% e ora, finalmente, abbiamo avuto l'occasione di vederla alla prova del voto popolare. In 3 regioni (Campania, Toscane e Marche) appoggiava il candidato del csx,
>>>
[47] nelle altre 3 presentava un proprio candidato. Vediamo com'è andata. Regione per regione.
Benissimo in #Campania: con il 7,37% è il quarto partito. Siete stupiti? Io no. Ne ho parlato qui - - e vi rimando a quei tw.
>>>
[48] In #Toscana qualche mese fa aspiravano a raggiungere la doppia cifra. Hanno fatto la lista insieme a +Europa e facevano parte della coalizione di Giani. Hanno preso il 4,48%. Il che significa che neppure in Toscana da soli sarebbero andati oltre il 3-3,5%.
>>>
[49] Non dissimile quindi dal caso #marchigiano in cui si sono presentati da soli e hanno preso il 3,17%.
In #Liguria la lista di "PSI, +Europa, Italia Viva" ha preso il 2,41%. Non so quanto di quel 2,41 sia di Italia Viva, ma comunque non è un gran risultato.
>>>
[50] In #Puglia è andata pure peggio. Qui Italia Viva aveva puntato su uno dei suoi pezzi da novanta: Ivan #Scalfarotto. Vabbè, ognuno ha i pezzi da novanta che si merita. Lo appoggiavano ben 3 liste: Futuro verde (0,11%), Scalfarotto Presidente (0,3%) e Italia Viva (1,08%).
>>>
[51] Se vi sembra poco, è perché non avete visto ancora il Veneto.
#Qui Italia Viva presentava come candidato presidente la senatrice Sbrollini. La lista era formata da ben 4 forze politiche: Italia Viva, una lista civica, il PRI e il PSI. In quattro hanno preso lo 0,6%.
>>>
[52] In tutti e sei i casi la lista è stata matematicamente ininfluente. Eppure Renzi si atteggia a vincitore (forse qualche suo elettore ci crede pure). Era lui la variabile impazzita della maggioranza, quello che remava contro da dentro. Ora anche a lui si darà una calmata.
>>>
[53] L'opposizione la liquido velocemente che un po' non mi interessa, un po' mi son stufato.
#ForzaItalia ormai è il terzo partito della coalizione di cdx con percentuali del 4-5%. #Berlusconi è ormai troppo anziano e #Tajani è privo di personalità.
>>>
[54] Il decorso infausto pare inevitabile.

Il consenso di #Salvini sembra la curva del #Covid: salito tanto in tempi rapidi, scende in modo molto più lento, ma costante. Ormai lo conosciamo e dovremmo poter facilmente evitare una seconda ondata. Ci riusciremo?
>>>
[55] A gongolare è invece la #Meloni. La prestazione di #FratellidItalia non è eccezionale, ma la Meloni riesce a vendere bene il nulla. Fossi in Salvini, oltre che a guardarmi da Zaia, mi guarderei anche dalla sora Giorgia.
E ora me ne vado a dormire.
#Buonanotte.

• • •

Missing some Tweet in this thread? You can try to force a refresh
 

Keep Current with Fabio Montale

Fabio Montale Profile picture

Stay in touch and get notified when new unrolls are available from this author!

Read all threads

This Thread may be Removed Anytime!

PDF

Twitter may remove this content at anytime! Save it as PDF for later use!

Try unrolling a thread yourself!

how to unroll video
  1. Follow @ThreadReaderApp to mention us!

  2. From a Twitter thread mention us with a keyword "unroll"
@threadreaderapp unroll

Practice here first or read more on our help page!

More from @FabioMontale

Aug 5, 2022
Una #lista che si voglia presentare alle prossime #elezioni deve raccogliere in ogni collegio plurinominale almeno 750 sottoscrizioni (ma per evitare cattive sorprese può presentarne fino a 2000).
I collegi plurinominali della Camera sono 49, quelli del Senato sono 26.
>>>
Quindi per candidarsi in tutta Italia bisogna raccogliere almeno 36.750 #firme per la #Camera e 19.500 per il #Senato. E chi firma per la Camera può farlo anche per il Senato (ora il corpo elettorale dei due organi coincide: anche per il Senato votano tutti i maggiorenni).
>>>
Perché l'ordinamento prevede la raccolta delle firme? Per evitare che un qualunque pincopallino presenti delle liste che non hanno nessun sostegno nel Paese. Questo spiega anche il motivo per cui è previsto che le liste che rispondono a certi criteri ne siano esentate.
>>>
Read 13 tweets
Jun 13, 2022
Oggi parliamo di #Castelguidone.
Un ridente paesino che, secondo Wikipedia, conta 301 abitanti.
Si trova in Abruzzo,nella parte sud della provincia di Chieti. In pratica confina con il Molise.
>>> Due piantine con la localizzazione del comune in Italia e al
A Castelguidone ieri si votava per eleggere il #sindaco.
Un solo candidato.
E quando c'è un candidato solo, è vero che si è sicuri di arrivare primi, ma non si è sicuri di vincere.
L'art. 72, c. 10 del Testo Unico sugli Enti Locali (TUEL per gli amanti delle sigle) è chiaro.
>>>
Devono andare a votare almeno il 50% degli elettori e di questi almeno il 50% deve votare quel sindaco.
Per questo in casi del genere spesso di crea una lista civetta, che magari prende 1 o 2 voti di qualcuno che sbaglia a votare e così si aggira la legge e il doppio #quorum
>>>
Read 8 tweets
Apr 23, 2022
Nel triennio 2019-2021 hanno lasciato il #SSN circa 21.000 #medici.

12.645 lo hanno fatto per sopraggiunti limiti d'età, per decesso o sopraggiunta invalidità al 100%.

Gli altri 8.000 circa per scadenza dei contratti a tempo determinato o dimissioni volontarie.
1/4 >>>
Le dimissioni volontarie, in significativo aumento dipendono principalmente da insoddisfacenti retribuzioni e da burnout.

L'Italia forma circa 6.000 medici specialisti l'anno e di questi solo 2/3 sono disponibili a lavorare per il SSN.
2/4 >>>
Quindi 1) formiamo pochi specialisti rispetto a quelle che sono le necessità, 2) li paghiamo poco e 3) li stressiamo caricandoli di lavoro.

La situazioni dei medici di famiglia non è migliore: entro il 2024 ne andrà in pensione il 31% che diventa 38% entro il 2025.
3/4 >>>
Read 5 tweets
Apr 2, 2022
Leggere le cifre dei bilanci militari fa impressione.
Nel mondo si spendono ogni anno 1.981 miliardi di dollari in #spesemilitari.
Di questi 1.981 miliardi di dollari ben 1.103 (56%) sono quelli spesi dai 30 paesi appartenenti alla NATO.
>>>
I 6 paesi NATO più spendaccioni (USA, Regno Unito, Germania, Francia, Italia e Canada) spendono più del 90% di quei 1.103 miliardi di dollari.
Quindi questi 6 paesi NATO spendono più di quanto spendono i restanti 190 paesi circa messi insieme.
>>>
Gli USA fanno la parte del leone. Da soli spendono 776 miliardi di dollari, il 39% delle spese militari mondiali. Per darvi un'idea, la Russia ne spende 67, che sono tantissimi ma sono comunque meno di un undicesimo di quelli spesi dagli USA.
>>>
Read 7 tweets
May 10, 2021
Fra poche settimane, il 2 giugno, cadrà il 75° anniversario del referendum istituzionale e dell'elezione dell'Assemblea costituente.
Per ricordarlo, ripercorrerò quei giorni attraverso le pagine de L'Unità.
Giorno per giorno attraverso le prime pagine e alcuni articoli. >>>
All'epoca l'Unità usciva dal martedì alla domenica, era di due sole pagine e costava quattro lire. La domenica invece le pagine diventavano quattro (la terza era quella culturale) e il prezzo saliva a cinque lire. >>>
Il 9 giugno Vittorio Emanuele III aveva abdigato a favore del figlio Umberto. L'intento era chiaro: il vecchio sovrano - compromesso con il fascismo - usciva di scena nel tentativo di orientare l'esito del referendum a favore della monarchia. >>> Image
Read 21 tweets
Mar 7, 2021
Il #Molise ha una popolazione di circa 300k abitanti.
Ad oggi ha effettuato 28.146 somministrazioni di #vaccino. 12.019 al personale sanitario, 6.752 al personale non sanitario, 4.043 agli ospiti delle RSA, 4.252 agli ultraottantenni (non ospiti di RSA), 502 a membri delle >>>
forze armate, 578 al personale scolastico che poi sarebbe personale universitario. Perché all'università hanno dato le dosi e sono stati i medici universitari che hanno provveduto alla somministrazione. Per le scuole si inizierà domani e le vaccinazioni per l'intera regione >>>
si svolgeranno tutte a Campobasso. Il che vuol dire che molti dovranno farsi 150 km o più per vaccinarsi. Il tutto, per inciso, in una delle 3 regioni rosse, nella regione con il più alto RT d'Italia (1,66) >>> [continuo dopo]
Read 35 tweets

Did Thread Reader help you today?

Support us! We are indie developers!


This site is made by just two indie developers on a laptop doing marketing, support and development! Read more about the story.

Become a Premium Member ($3/month or $30/year) and get exclusive features!

Become Premium

Don't want to be a Premium member but still want to support us?

Make a small donation by buying us coffee ($5) or help with server cost ($10)

Donate via Paypal

Or Donate anonymously using crypto!

Ethereum

0xfe58350B80634f60Fa6Dc149a72b4DFbc17D341E copy

Bitcoin

3ATGMxNzCUFzxpMCHL5sWSt4DVtS8UqXpi copy

Thank you for your support!

Follow Us on Twitter!

:(